power2Cloud

eCommerce Open SaaS e inbound marketing: nuovi modelli di business

Si è svolto a Palermo, il 12 aprile, l’evento “Better together: HubSpot e BigCommerce per le aziende siciliane”, organizzato da power2Cloud in partnership con il Consorzio ARCA.

L’appuntamento è nato per condividere quelli che sono alcuni driver della crescita, approcciare insieme alle startup incubate e alle PMI siciliane la digital transformation, la vendita online B2B e B2C e le strategie di inbound marketing.

Per l’agenda della giornata, power2Cloud ha coinvolto Ilario Savi, Partner Manager Italian Market HubSpot, nota suite per l’inbound digital marketing, e Giuseppe Giorlando, Channel Lead Italy BigCommerce, eCommerce platform per B2B e B2C.

In un mercato così veloce e competitivo il web diventa sempre più democratico offrendo opportunità e strumenti per ottimizzare la collaborazione, personalizzare l’esperienza degli utenti e misurare le performance con semplicità.

Vuoi scalare e stai pensando a una nuova piattaforma eCommerce?

Innovazione e nuovi modelli di business sono alla portata di tutti, di startup come di multinazionali di ogni settore, non occorre essere IT, avere team particolarmente strutturati o budget ingenti. 

“Senza un CRM oggi un’impresa non è un’impresa”.

Ad aprire l’agenda è stato Massimiliano Oliveri, Presidente del Consorzio ARCA. “Senza un CRM oggi un’impresa non è più impresa. Al di là di quello che sembrerebbe quasi uno spot introduttivo, penso che questo rifletta effettivamente la realtà dei fatti!”.

 

Centralizzando e automatizzando la raccolta dei dati, con l’ausilio di un CRM, possiamo prevedere il comportamento dei clienti, trasformare i processi aziendali, convertire utenti anonimi in clienti fidelizzati. La conoscenza degli utenti gioca un ruolo importante tanto nel marketing, quanto nelle vendite e nel servizio clienti.

Creare relazioni personali, aumentare la fidelizzazione e l’organizzazione interna per accogliere ogni necessità e correggere le criticità lungo il percorso, sono fasi della crescita di qualsiasi attività di successo.

“Non occorre essere un’azienda che produce digitale per usare il digitale”.

“Il digitale è l’asset che può facilitare la crescita e l’innovazione all’interno di qualsiasi realtà. Non occorre essere un’azienda che produce digitale per usare il digitale.

Anche un artigiano, un commerciante, un imprenditore devono utilizzare le tecnologie digitali, strumenti utili e fondamentali per crescere, efficientare, rettificare il proprio lavoro”, afferma Monica durante il suo intervento.

 

Dopo l’introduzione del Presidente Massimiliano Olivieri, è intervenuta Monica Guizzardi, Communication and event manager del Consorzio ARCA, partenariato tra l’Università degli Studi di Palermo e i Consorzi Universitari di Agrigento, Trapani e Caltanissetta.

 

“La nostra mission principale è la creazione d’impresa. L’innovazione è la chiave per la sopravvivenza e la crescita di un’azienda, in un mercato che cambia e si evolve costantemente”, ha poi concluso. “Per far questo è fondamentale la ricerca di un giusto partner per la migrazione su una piattaforma digitale”.

Il Consorzio ARCA come l’incubatore d’impresa si occupa del trasferimento tecnologico e dello sviluppo di nuovi prodotti per PMI e reti di impresa; ma anche della gestione di programmi d’innovazione territoriale connessi alla promozione della cultura imprenditoriale e nella cooperazione transnazionale”.

Analisi personalizzate e ottimizzazione delle risorse: l’importanza di un partner nella crescita

Se i temi legati al digitale sono un habitat naturale in cui sviluppare idee e crescere, le soluzioni tecnologiche da sole non bastano.

“È importante conservare un mindset da startup – ha preso la parola Ignazio Morici, Direttore Marketing power2Cloud -, ovvero continuare a mettersi in gioco e in discussione. La sfida di power2Cloud è proprio questa: aiutare i propri clienti nella migrazione al digitale continuando ad adattare le soluzioni alle esigenze del mercato”.  

 

Il processo legato alla trasformazione digitale naturalmente non è privo di ostacoli: la compliance e sicurezza, i limiti di budget, la costante evoluzione del mercato in cui si opera, la mancanza di competenze IT e specialistiche, il cambiamento della cultura aziendale e della comunicazione tra i team, come la mancanza di una strategia per gestire la migrazione, la complessità del software e la formazione nell’utilizzo della nuova piattaforma.

 

“Il dialogo tra il partner e l’azienda è fondamentale. Bisogna ascoltare le esigenze di ogni business e dei dipendenti, perché dal confronto possono emergere tutti quei punti critici che possiamo risolvere attraverso le soluzioni digitali”.

Oltre la prima fase di ascolto e di analisi, un partner può e deve migliorare la programmazione degli investimenti e l’utilizzo delle risorse; ottimizzare il lavoro di tutti i team e indicare l’uso strategico di dati, asset tangibili, processi e conoscenze.

“La democratizzazione dell’eCommerce: flessibilità e personalizzazione”.

“Immagina l’ecosistema eCommerce come una città: puoi prendere una casa in affitto o costruirne una secondo i tuoi desideri. Nel primo caso è già pronta all’uso, ma con dei limiti, nel secondo è un progetto su misura, ci vuole più tempo, costa tanto, magari però dopo tre anni non la vuoi più.

Come piattaforma Open SaaS, BigCommerce garantisce la libertà e la flessibilità di un software Open Source con la sicurezza, affidabilità di una piattaforma SaaS”. La metafora scelta da Giuseppe Giorlando Channel Lead Italy BigCommerce è davvero calzante.

 

Startup, PMI e aziende enterprise possono accedere a uno strumento estremamente customizzabile, facile da implementare e con dei costi accessibili (non è previsto nessun costo aggiuntivo per le transazioni). Ecco perché si parla di democratizzazione dell’eCommerce.

 

Con BigCommerce è possibile scalare sia nel mercato B2B che B2C, grazie alle funzionalità di numerosi tool, oltre 700 partner tecnologici e più di 400 chiamate API al secondo, utili a connettersi facilmente con software come HubSpot e Atlassian, per esempio.

 

“Non è più necessario preoccuparsi di manutenzione, sicurezza, data center e degli aggiornamenti. Manteniamo il tuo sito sicuro e al massimo delle prestazioni attraverso la piattaforma cloud di Google. Così puoi concentrare le tue risorse su attività che generano entrate, personalizzando l’esperienza del front-end e soddisfare le sempre crescenti richieste degli acquirenti online”, ha poi concluso.

“eCommerce inbound marketing: quali sono i tuoi obiettivi nel 2022?”.

Scegliere la piattaforma eCommerce giusta per la vendita online dei propri prodotti e servizi, non basta. 

Sapevi che il 67% dei carrelli eCommerce vengono abbandonati ogni giorno? Un dato significativo per il business se è seguito dalle risposte giuste: chi sono, cosa volevano comprare, quanto hanno speso o che prodotti hanno acquistato più spesso?

 

Ilario Savi, Partner Manager Italian Market HubSpot, ha condiviso i valori della filosofia inbound del CRM e della sua suite. Bisogna abbandonare il tradizionale funnel per trasformare i prospect prima in costumer e poi in promoter grazie a un modello ricorsivo, come volano della crescita di ogni business.

“Con HubSpot catturiamo i dati di tutti gli utenti in qualsiasi momento: con la compilazione di un form, la visita alla landing page o la giusta call-to-action.

Grazie ai dati raccolti possiamo capire chi vuole interagire con l’azienda e utilizzare il CRM per costruire una strategia fondata su sistemi di marketing automation, ad esempio inviando una email in base al comportamento di ogni singolo utente”.

 

Da utente anononimo a promoter se hai dati giusti

Con una soluzione cloud come HubSpot si può conoscere la buyer journey in ogni dettaglio. Questo permette di qualificare in modo intelligente un prospect, portandolo più facilmente gli agenti alla chiusura di un contratto o di una vendita. 

Il percorso per agganciare un anonimo e farlo diventare un promoter avviene attraverso la gestione del contenuto, la messaggistica, le automatizzazioni e una reportistica efficiente che permetta ai manager di controllare le performance interne e non.

 

La maggior parte delle aziende per ogni attività compra un software diverso. HubSpot mette a disposizione un’unica piattaforma con API pubbliche, un ricco Marketplace, con più di 1.000 applicativi che possono essere integrati alla piattaforma nativamente.

“Avere strumenti come HubSpot o BigCommerce aiuta ad automatizzare i processi aziendali con un forte impatto sul fatturato. È diventato fondamentale investire nei processi digitali.

Quali obiettivi hai per il tuo 2022?”.

“Con HubSpot e la formazione power2Cloud i nostri team lavorano all’unisono”.

Ad arricchire il contributo di Ilario Savi, Fabio Ballor. È stato il CEO e Co-founder di WebinarPro a raccontare come sono cambiati i processi aziendali con l’adozione di HubSpot for Startups.

“Con la pandemia il mercato di WebinarPro è cresciuto in maniera esponenziale. In azienda venivano usati diversi tool, sia nell’area operativa che in quella commerciale, per gestire il numero di clienti sempre più alto.

 

Questo approccio non ci permetteva di scalare e inseguire le nostre aspettative. Abbiamo così ripensato WebinarPro sotto una diversa lente, con l’ingresso di più persone, nuovi ruoli, pipeline e processi.

Era arrivato il momento di iniziare a strutturarsi, per consentire ai vari team di muoversi all’unisono e con HubSpot abbiamo trovato ciò che cercavamo”.

 

Grazie al piano per Startup, WebinarPro ha intrapreso un percorso di migrazione ad HubSpot. Con power2Cloud è stato progettato in modo efficace e veloce la transizione, pensando a strategie e processi.

WebinarPro nei prossimi mesi completerà la migrazione ad HubSpot. Tutti i team potranno utilizzare una piattaforma comune per gestire le proprie attività e migliorare le loro performance grazie ai numerosi tool messi a disposizione dalla piattaforma.

“Competenze, soluzioni cloud e strumenti finanziari a sostegno di ogni business”.

In questo percorso di digitalizzazione e crescita un partner come power2Cloud fornisce non solo strategie su misura, competenze e soluzioni cloud come BigCommerce e HubSpot, ma anche l’accesso a strumenti finanziari a supporto.

“Il cloud ha reso democratica l’innovazione. Oggi chiunque può accedere a software che permettono di digitalizzare i propri processi con una minima spesa mensile”. A concludere l’evento è stato Giordano Iovine CEO power2Cloud.

 

Le attività interessate da agevolazioni e supporti speciali abbracciano molti ambiti: CRM, piattaforma eCommerce, creazione e configurazione di un’App, sicurezza, formazione, vendita online B2B e B2C, in Italia come all’estero. 

Chi desidera creare una nuova piattaforma, migliorare quella esistente o accedere a un nuovo spazio, adesso non ha più scuse.

Sei interessato ai nostri progetti?

Sei sulla strada giusta!

logo power2Cloud - servizi Cloud

power2cloud è il tuo digital transformation partner! Accelera la crescita digitale con un team altamente certificato e qualificato, all’altezza dei nostri partner, selezionati per te: Aircall, Appspace, Atlassian, cloudM, 
Google Cloud, HubSpot, Shopify e Zendesk
.

Tutto quello che ti serve

Articoli recenti