Migrare a G Suite da altri provider webmail: ci pensiamo noi!

imggooglegmail

Spesso i comuni provider di posta elettronica possono non rispecchiare le nostre esigenze o semplicemente dare problemi.
Trasferire una o più caselle di posta elettronica da un server a un altro senza rischiare di perdere email importanti è davvero molto facile.
Con la nostra guida e il nostro supporto, siamo sicuri che ci riuscirai in pochissimo tempo.

Utilizzi Outlook da dieci anni, hai scelto di passare a G Suite, ma hai paura di perdere le tue email? Tranquillo, è una perplessità lecita che ci teniamo a chiarire e che riguarda soprattutto la prima fase, quella della digitalizzazione, un cambiamento necessario per utilizzare il Cloud e tutte le potenzialità che offre per la tua Azienda.

Non sai da dove cominciare? Ti aiutiamo noi! Che tu sia una Grande Impresa o una Startup, il team di power2Cloud - come partner Google Cloud - ti assiste nel servizio di migrazione. Grazie al nostro team e con il supporto delle tecnologie fornite da Google, migrare le mail di una o più caselle di posta elettronica da un server verso Gmail Business senza rischiare di perdere dati è davvero molto facile. Scopriamo insieme a Mario, G Suite Deployment Specialist, alcuni esempi in cui potrai facilmente riconoscerti.
Mario in che modo viene svolta la migrazione da Server verso G Suite?
Ci sono due modalità:
Da remoto. power2Cloud ti guiderà, grazie a Google Meet, in ogni passo della migrazione da remoto. Il nostro Team di Deployment schedulerà tutti gli appuntamenti negli orari che preferisci!
Presso le tue Sedi. il nostro personale sarà fisicamente al tuo fianco! Abbiamo Clienti in tutta Italia, ed anche oltre i confini nazionali! Per migrazioni particolarmente complesse possiamo assisterti onsite senza alcun problema!
Se abbiamo i dati su un nostro Server di posta come possiamo fare? Per la migrazione delle email presenti su un server, Google mette a disposizione nella “G Suite Admin Console” un tool chiamato “Data Migration” che, specificando i parametri di origine, permette di migrare in tutta sicurezza i dati. Per questa operazione occorrono “email” e “password” dell’account di migrazione, ovvero un account sul server di posta che Google utilizza per verificare che sia possibile eseguire la connessione al server. In più occorrono tutti gli indirizzi email e le password degli utenti da migrare.
Quando si tratta di una migrazione da Client verso G Suite? Abbiamo appena visto come effettuare una migrazione per le email che sono presenti su un Server di Posta, che cosa succede invece quando un utente ha la posta scaricata sul proprio PC? La soluzione a questo problema si chiama GSMMO (G Suite Migration for Microsoft Outlook). Questo tool offre due possibilità di migrazione: migrazione direttamente da Outlook migrazione da file PST La prima soluzione consiste nel lanciare il tool sul PC dove è presente Outlook, indicare verso quale account G Suite migrare e il gioco è fatto! Il tool stimerà le email da migrare e inizierà la migrazione in totale autonomia. In caso di problemi come il blocco del pc o lo spegnimento, il tool sarà in grado di ripartire da dove si era interrotto senza migrare le email già processate in precedenza. La seconda soluzione invece può essere anche adottata su PC terzi avendo però a disposizione il PST da migrare. Il funzionamento è lo stesso descritto sopra con l’unica differenza che invece di selezionare come sorgente Outlook si seleziona PST.
Se il Cliente ha Exchange come puoi aiutarlo a migrare verso G Suite? Se la soluzione che avete adottato fino ad ora è stata invece Microsoft Exchange e volete migrare a G Suite, GSMME (G Suite Migration for Microsoft Exchange) verrà in nostro aiuto. Questo tool consente di eseguire la migrazione della posta, del calendario e dei dati dei contatti dal tuo server Exchange o della posta da un account G Suite. GSMME è in grado di eseguire la migrazione dell'email da quasi tutti i tipi di server di posta, inclusi Exchange, Novell®GroupWise® e Gmail, a G Suite. Mario che cosa succede in fase di migrazione?
Semplice. Continui a lavorare mentre noi effettuiamo la migrazione per te! Non succede nulla grazie a un tool che permette di continuare a utilizzare il sistema di posta in maniera parallella. La migrazione non ha un tempo definito, dipende dalla quantità di email d’ufficio. Dopo un’attenta analisi e grazie alla nostra esperienza eseguiremo un report per stimare il tempo impiegato per la migrazione. Avvalersi della collaborazione di un team di esperti è importante per problemi di natura esterna alla migrazione stessa.

Condividi:

Facebook LinkedIn Twitter